Salve, o Regina! È la preghiera che rivolgiamo a Maria.

Salve, Regina, madre di misericordia,
vita, dolcezza e speranza nostra, salve.
A te ricorriamo, esuli figli di Eva;
a te sospiriamo, gementi e piangenti
in questa valle di lacrime.
Orsù dunque, avvocata nostra,
rivolgi a noi gli occhi misericordiosi.
E mostraci, dopo questo esilio,
Gesù, il frutto benedetto del tuo seno.
O clemente, o pia,
o dolce Vergine Maria.

Carissimi parrocchiani,

ci apprestiamo a vivere il mese di maggio: mese in cui celebreremo la festa dello Spirito Santo, mese della mamma e di Maria, e quindi del Rosario. In questo tempo siamo chiamati a recitare il Rosario, preghiera che raccoglie piccoli e grandi attorno alla nostra statua della Madonna di Piedigrotta, o presso le edicole e le case dove abitiamo.

Una volta, la preghiera del Rosario era fatta in famiglia, con la partecipazione di tutti, grandi e piccoli. Come sarebbe bello se ancora nelle nostre famiglie si potesse fare, se non tutte, almeno una posta di Rosario, ossia dieci ave Marie. Potrebbe essere l’occasione per rinsaldare l’unità della famiglia e per approfondire e rafforzare la nostra fede e i sui misteri.

Ricorriamo alla Madonna per averne protezione e per imparare da Lei a vivere in modo diverso la nostra vita cristiana e civile.

Invochiamola come REGINA, come diciamo sempre alla conclusione del Rosario, prima delle Litanie: “Salve, o Regina…” . Maria faccia regnare nei nostri cuori, nelle nostre famiglie, nei nostri quartieri e nella nostra città di Napoli,  l’amore, la fratellanza, il rispetto, la cultura della vita, il gusto del lavoro, il bene comune nella politica, la cura del creato e delle cose.

A Maria “Regina”, madre di misericordia, dolcezza e speranza nostra… affidiamo, allora, la nostra vita, le nostre famiglie, la vita dei ragazzi e dei giovani; i nostri ammalati, le persone provate dal dolore, ferite dall’odio e dalla violenza; la nostra comunità parrocchiale perché diventi sempre più “un cuor solo ed un’anima sola”, in questo sinodo diocesano che stiamo celebrando.

Come potrete vedere dalla pagina finale di questo foglietto mensile ci sono diversi appuntamenti per vivere insieme questa preghiera del Rosario: in Chiesa, tutte le sere alle 18,25; per il nostro quartiere il lunedì e il giovedì alle ore 17; l’8 maggio, alle ore 12 con la supplica e Messa alla Madonna di Pompei e con il pellegrinaggio nel pomeriggio del 20 maggio;  con i gruppi della catechesi e le loro famiglie, il 28 maggio, andremo pellegrini nella Chiesa di Santa Teresa a Chiaia, dove arriverà la statua della Madonna di Fatima “pellegrina” e dove si concluderà  il mese di maggio decanale con la santa messa alle 18,30 con il nostro arcivescovo don Mimmo Battaglia e concelebrata da noi sacerdoti.

Ognuno di noi può fare la sua parte.  La Madre di Dio cerca spazio nel tuo cuore tra le distrazioni e gli affanni della vita. Se l’ascolti, t’insegna parole di pace. Se l’accogli, riempie il tuo silenzio di luce. Se la segui, cammina con te incontro al Figlio che ha generato anche per te.

Lasciamoci guidare ed accompagnare da Maria, in questo mese di maggio.

Buon cammino, allora!

Don Piero, parroco


Decreto indizione del Sinodo Diocesano

In tutte le diocesi è iniziato il 18 ottobre 2021, il cammino di preparazione per il sinodo voluto da Papa Francesco con il tema «Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione e missione».

In coincidenza con il cammino di preparazione al sinodo della chiesa universale, il nostro arcivescovo ha convocato il XXXI Sinodo della Chiesa di Napoli, di cui, al seguente link si può leggere il decreto di indizione


PREGHIERA ALLA MADONNA DI PIEDIGROTTA