I nuovi consigli della parrocchia

Sabato 14 gennaio si è riunito per la prima volta il nuovo consiglio pastorale parrocchiale ed il nuovo consiglio per gli affari economici.
L’incontro è stato incentrato su una riflessione della lettera pastorale dell’arcivescovo Battaglia al punto dove traccia le linee guida per gli organismi di partecipazione.

E’ stato inoltre il momento di approfondire la conoscenza tra vecchi e nuovi partecipanti ai consigli in modo da poter iniziare il cammino insieme, nella linea del Sinodo, con maggior affetto e comprensione.
L’incontro è stato preceduto e concluso da un assolo di organo della maestra Cristina Brancato

Auguri a tutti i componenti per un fruttuoso cammino nella nostra parrocchia

 

Inizio del nuovo Consiglio Pastorale Parrocchiale

Carissimi tutti,

Il cammino sinodale, pur arduo, sta impegnando tante energie della nostra parrocchia, i due incontri del primo ottobre e del 18 novembre, che hanno visto la partecipazione e il contributo di tanti, ci hanno aiutato a riflettere e a comprendere un po’ meglio il senso e il significato del Sinodo e hanno offerto molti spunti per i prossimi passi da fare insieme in uno spirito di fraterna comunione. Il nostro arcivescovo, don Mimmo Battaglia, in continuità con il Sinodo mondiale che la Chiesa tutta sta vivendo, ma soprattutto con quello Diocesano da lui indetto, ci ha offerto nella sua Lettera Pastorale per l’anno 2022-2023,  (“Di che cosa stavate discutendo per la strada?” Chiamati da Dio a servizio del mondo) alcuni ulteriori spunti di riflessione tra questi anche quelli per far sì che gli organismi di partecipazione parrocchiale (ossia il Consiglio Pastorale Parrocchiale e il Consiglio Parrocchiale Affari Economici) possano sempre più essere e diventare mezzi attraverso i quali si costruisce, di giorno in giorno, la comunione, “l’esser un cuor solo e un’anima sola”. Questi organismi devono essere il cuore pulsante della realtà parrocchiale, da un lato  sintesi e interpreti delle molteplici realtà e delle diverse sensibilità in essa presenti e dall’altro propulsori della sua vita per fare sempre di più e meglio al servizio di tutti con il sostegno del soffio dello Spirito che sta spirando in questo nostro cammino. Alcuni passaggi importanti della lettera del nostro Arcivescovo, che a seguire vi riporto, ci aiutano meglio delle mie parole a mettere a fuoco il fine di questo organismo di partecipazione. Come lui  ci ricorda, lo scopo di questi organismi sarebbe quello di poter arrivare a tutti e ascoltare tutti. Se vogliamo camminare insieme è necessario metterci insieme. Tante volte le nostre comunità danno prova di bravura personale, ma non di organicità collettiva. “Ogni volta che si annulla  l’avverbio “insieme”, si annulla anche il verbo “camminare”. Se vogliamo perciò camminare, dobbiamo metterci “insieme”. Continua così il nostro Vescovo: “Riscopriremo il gusto dell’impegno, il sapore della lotta, la percezione della crescita, il coraggio dei gesti audaci, l’ottimismo non solo della ragione ma anche  quello  della  volontà.  Possiamo  pure  costruire  comunità  perfette, efficienti,  dove tutto ruota alla perfezione… Ma sarà solo l’ARMONIA di una CORALITÀ a far passare il sogno del Vangelo”. Facciamo nostro questo desiderio di voler vivere una coralità dove le diversità non sono mortificate, ma dove invece emerge l’armonia di una coralità che costruisce, giorno per giorno, la bellezza del nostro essere figli di Dio dal dono comune della nostra uguaglianza battesimale. Pertanto volendo e dovendo procedere alla formazione del nuovo Consiglio Pastorale e del Consiglio degli Affari economici invoco l’aiuto di tutte le realtà parrocchiali a fare un percorso di riflessione per individuare persone disponibili a mettersi in gioco con slancio per il bene comune, avendo cura di riflettere su quanto sia importante che il consiglio pastorale sia il luogo delle diversità in cui dovranno trovare spazio  vecchio e nuovo, esperienza e novità,  spiritualità e pratica, cultura e manualità, insomma il tutto che è ricchezza. Certo il numero dei componenti non può essere illimitato altrimenti ne andrebbe della sua capacità di agire e di essere effettivamente organismo responsabile delle scelte che compie.

Spero in una vostra ampia e generosa disponibilità per consentirmi di individuare I nuovi componenti dei due consigli per far sì che il 14 gennaio alle ore 10,30 possiamo vederci tutti insieme, con il nuovo consiglio pastorale, per riflettere in uno spirito di fraterna comunione delle sfide e dell’impegno che dovranno animare tutti i componenti e i consigli nella loro totalità.

Don Piero, Parroco; i sacerdoti e i diaconi

Decreto indizione del Sinodo Diocesano

In tutte le diocesi è iniziato il 18 ottobre 2021, il cammino di preparazione per il sinodo voluto da Papa Francesco con il tema «Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione e missione».

In coincidenza con il cammino di preparazione al sinodo della chiesa universale, il nostro arcivescovo ha convocato il XXXI Sinodo della Chiesa di Napoli, di cui, al seguente link si può leggere il decreto di indizione

PREGHIERA ALLA MADONNA DI PIEDIGROTTA